Schemi di bilancio

L’IVASS ha pubblicato il provvedimento che raccoglie le modifiche e le integrazioni al regolamento ISVAP avente ad oggetto gli schemi di bilancio per tutte le imprese di assicurazione e di riassicurazione con l’applicazione dei principi contabili. Le disposizioni trovano applicazione a partire dalla relazione semestrale individuale e consolidata al 30 giugno 2018 e per il bilancio individuale e consolidato dall’esercizio 2018.

Il Regolamento ISVAP è stato modificato al fine di recepire i principi contabili IFRS 9. In particolare sono state realizzate modifiche circa:
– il testo del regolamento, con modifiche degli schemi da utilizzare;
– gli aggiornamenti delle istruzioni per la compilazione degli schemi di bilancio;
– l’introduzione di nuovi schemi di bilancio.
Il provvedimento si completa inoltre con le modifiche e le integrazione agli allegati del Regolamento ISVAP.

 

Provvedimento IVASS 8 maggio 2018 n.74

Attività di liquidazione

L’Ivass ha pubblicato una nuova Lettera al mercato rivolta agli istituti assicurativi in relazione alle polizze vita dormienti. La finalità è quella, tramite un controllo dei codici fiscali collegati, di garantire il trattamento delle polizze vita, dormienti per motivi di decesso, e garantire così la loro liquidazione a favore dei beneficiari. La Lettera segue la precedente pubblicata lo scorso dicembre per la realizzazione, proprio a tal fine, di una verifica incrociata con l’Agenzia delle entrate.

Con la Lettera dell’Ivass, si intende aggiornare la situazione relativa a quelle polizze dormienti ricollegabili a decessi. Il controllo incrociato con l’Agenzia delle entrate, ha permesso infatti di individuare le polizze realmente dormienti, e realizzare così la liquidazione delle somme spettanti ai beneficiari. Per poter monitorare l’attività di regolarizzazione delle polizze dormiente, l’Ivass ha richiesto la compilazione di un prospetto all’interno del quale riportare le attività di liquidazione realizzate. Il prospetto dovrà essere inviato entro l’11 giugno all’indirizzo messo a disposizione dall’Istituto.

 

Lettera al mercato Ivass 6 aprile 2018

Oneri informativi dell’Intermediazione assicurativa per le informazioni statistiche

Istruzione operative per la raccolta delle informazioni riguardanti il referente unico per la comunicazione delle informazioni statistiche all’IVASS di cui all’art 5 del Regolamento Ivass n. 36 del 28 Febbraio 2017

L’Ivass ha provveduto a pubblicare le istruzioni per le comunicazioni relative al referente unico statistico così come stabilito all’interno del regolamento IVASS  n. 36 del 28 Febbraio 2017 che dispone la politica delle informazioni statistiche. In particolare viene stabilito che:

  • la nomina o la sostituzione del referente unico per la comunicazione delle informazioni statistiche all’IVASS, sono comunicate all’IVASS entro 15 giorni dall’approvazione;
  • le imprese nazionali e le rappresentanze in Italia di imprese con sede legale in uno Stato estero, ammesse ad operare in Italia in regime di stabilimento, comunicano all’IVASS la nomina o la sostituzione del  referente unico e la modifica di ogni elemento informativo richiesto relativo  a tale referente, esclusivamente in formato elettronico, secondo le istruzioni tecniche fornite dall’IVASS, rese disponibili sul sito dell’Istituto.

Regolamento IVASS n.36 del 28 febbraio 2017

Regolamento IVASS n.36 28/02/2017

Pubblicato il Regolamento IVASS n. 36 del 28 febbraio 2017 recante disposizioni relative alla comunicazione all’IVASS di dati e informazioni per lo svolgimento di indagini statistiche, studi e analisi relative al mercato assicurativo ai sensi dell’articolo 190-bis del Titolo XIV (Vigilanza sulle imprese e sugli intermediari), Capo I (Disposizioni generali), del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle assicurazioni private.

L’introduzione delle disposizioni in tale ambito trae origine anche dall’art. 159 della Direttiva 2009/138/CE (Direttiva Solvency II), rubricato “Informazioni statistiche sulle attività transfrontaliere”, e tiene conto del Protocollo Generale relativo alla collaborazione delle Autorità di vigilanza assicurativa degli Stati Membri dell’UE (ex Protocollo di Siena, rivisto da ultimo con Decisione del Board of Supervisors dell’EIOPA del 31 gennaio 2017).
Tra gli aspetti di maggiore interesse disciplinati dal Regolamento, si segnala in particolare che:

  • l’ambito di applicazione delle anticipazioni di bilancio viene esteso alle riassicuratrici nazionali e alle rappresentanze di riassicuratrici di Stati terzi;
  • il termine di trasmissione per le anticipazioni di bilancio è posticipato al 31 marzo, in modo da ottenere una migliore qualità dei dati;
  • per i moduli di bilancio utilizzati per finalità statistica è stata conservata la numerazione e la struttura della modulistica del Regolamento ISVAP n. 22/2008, in continuità con le vigenti segnalazioni, limitando l’impatto sulle procedure di acquisizione e sui programmi di controllo;
  • le indagini statistiche in vigore, promosse con lettere al mercato, circolari statistiche o dispositive, di cui all’allegato 1 al presente Regolamento, rientrano nei generali obblighi di comunicazione previsti dall’art. 190-bis del Codice;
  • la raccolta dati a fini statistici e di conoscenza del mercato assicurativo è soggetta all’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 310, comma 1, del Codice, nei casi di mancato rispetto delle modalità e dei termini di trasmissione nonché dei criteri di qualità stabiliti dall’art. 190, comma 1-ter, del Codice;
  • viene chiesto al consiglio di amministrazione o, nelle imprese che hanno adottato il sistema di cui all’articolo 2409-octies del Codice civile, al consiglio di gestione, ovvero, per le sedi secondarie, al rappresentante generale, di approvare la “politica delle informazioni statistiche” da trasmettere all’IVASS e di individuare il referente unico per la comunicazione delle informazioni statistiche all’IVASS;
  • è stata innovata la rilevazione relativa al contenzioso del ramo r.c. auto, di cui alla circolare ISVAP n. 458/2001 e alla lettera circolare ISVAP del 26 ottobre 2007

Investimenti e attivi a copertura delle riserve tecniche

L’IVASS ha pubblicato il Regolamento n. 24 del 06/06/2016 recante disposizioni in materia di investimenti e di attivi a copertura delle riserve tecniche, conseguente all’implementazione nazionale delle linee guida sul sistema di governo societario, con particolare riferimento al principio della persona prudente in materia di investimenti (Linee Guida EIOPA in materia di prudent person principle).

Le imprese si adeguano alle disposizioni in materia di copertura delle riserve tecniche di cui alla Parte III e in materia dei relativi registri di cui alla Parte IV, Titolo I, a partire dal quarto trimestre dell’esercizio in corso. Le imprese approvano le politiche in materia di investimenti di cui agli articoli 5, 6, 7 e 24 entro il 30 settembre del 2016.

copertura delle riserve tecniche

Il Regolamento contiene informazioni relative a:

  • fonti normative, definizioni e ambito di applicazione;
  • politiche connesse alla gestione degli investimenti (principi generali per la gestione degli investimenti, politiche in materia di investimenti , ruolo degli organi, disposizioni in materia di finanziamenti concessi nei confronti di soggetti diversi dalle persone fisiche e dalla micro-imprese;
  • sistema dei controlli interni e gestione dei rischi sugli investimenti;
  • disposizioni in materia di utilizzo di strumenti finanziari derivati;
  • disposizioni in materia di gruppo;
  • disposizioni in materia di attivi a copertura delle riserve tecniche;
  • modifiche e integrazioni al Regolamento ISVAP n. 27 del 14 ottobre 2008 concernente la tenuta dei registri assicurativi;
  • disposizioni relative alle abrogazioni dei testi normativi in contrasto con il presente Regolamento ed indicazione delle disposizioni del Regolamento stesso soggette a una disciplina transitoria.

Linee guida EIOPA in materia di reclami verso intermediari

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 125 del 30 maggio 2016 il Provvedimento IVASS del 3 maggio 2016 n. 46 recante modifiche al Regolamento n. 24 del 19 maggio 2008 concernente la procedura di presentazione dei reclami verso intermediari all’ISVAP e la gestione dei reclami da parte delle imprese di assicurazione.

reclami verso intermediari

Il Provvedimento di modifica del Regolamento n. 24 ha introdotto un nuovo Capo sulla gestione dei reclami verso intermediari. In particolare le nuove disposizioni:

  • attribuiscono alle imprese preponenti la gestione dei reclami relativi al comportamento dei propri agenti (inclusi i relativi dipendenti e collaboratori), nonché i reclami presentati nei confronti dei produttori diretti;
  • attribuiscono agli intermediari iscritti nelle sezioni B e D del registro e agli intermediari iscritti nell’elenco annesso la competenza sui reclami relativi ai comportamenti propri e dei propri dipendenti e collaboratori;
  • circoscrivono l’obbligo di costituzione della funzione preposta alla gestione dei reclami solo per i broker di grandi dimensioni, per gli intermediari iscritti nella sezione D del RUI e per gli intermediari iscritti nell’elenco annesso abilitati ad operare in Italia in regime di stabilimento;
  • prevedono per gli intermediari iscritti nelle sezioni B e D la possibilità di affidare la gestione dei reclami in outsourcing ad un soggetto terzo, anche di natura associativa, ferma restando la responsabilità diretta sulla decisione finale in capo all’intermediario.

Per ulteriori informazioni si faccia riferimento al Provvedimento IVASS del 3 maggio 2016 n. 46.

Pagina 1 di 212