Intermediazione assicurativa – Solvency II

L’IVASS ha pubblicato quatttro nuovi Regolamenti di attuazione della disciplina Solvency II.

IVASS

In particolare si fa riferimento a:

  • Regolamento n. 25 del 26 luglio 2016, concernente gli elementi dei fondi propri di base;
  • Regolamento n. 26 del 26 luglio 2016, riguardante l’applicazione delle misure per le garanzie di lungo termine e delle misure transitorie sui tassi di interesse privi di rischio e sulle riserve tecniche;
  • Regolamento n. 27 del 26 luglio 2016, che si riferisce a l’applicazione del sotto-modulo di rischio di catastrofe per l’assicurazione malattia ai fini della determinazione del requisito patrimoniale di solvibilità calcolato con la formula standard;
  • Regolamento n. 28 del 26 luglio 2016, attinente all’applicazione del metodo look-through ai fini della determinazione del requisito patrimoniale di solvibilità calcolato con la formula standard.

Linee guida EIOPA in materia di reclami verso intermediari

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 125 del 30 maggio 2016 il Provvedimento IVASS del 3 maggio 2016 n. 46 recante modifiche al Regolamento n. 24 del 19 maggio 2008 concernente la procedura di presentazione dei reclami verso intermediari all’ISVAP e la gestione dei reclami da parte delle imprese di assicurazione.

reclami verso intermediari

Il Provvedimento di modifica del Regolamento n. 24 ha introdotto un nuovo Capo sulla gestione dei reclami verso intermediari. In particolare le nuove disposizioni:

  • attribuiscono alle imprese preponenti la gestione dei reclami relativi al comportamento dei propri agenti (inclusi i relativi dipendenti e collaboratori), nonché i reclami presentati nei confronti dei produttori diretti;
  • attribuiscono agli intermediari iscritti nelle sezioni B e D del registro e agli intermediari iscritti nell’elenco annesso la competenza sui reclami relativi ai comportamenti propri e dei propri dipendenti e collaboratori;
  • circoscrivono l’obbligo di costituzione della funzione preposta alla gestione dei reclami solo per i broker di grandi dimensioni, per gli intermediari iscritti nella sezione D del RUI e per gli intermediari iscritti nell’elenco annesso abilitati ad operare in Italia in regime di stabilimento;
  • prevedono per gli intermediari iscritti nelle sezioni B e D la possibilità di affidare la gestione dei reclami in outsourcing ad un soggetto terzo, anche di natura associativa, ferma restando la responsabilità diretta sulla decisione finale in capo all’intermediario.

Per ulteriori informazioni si faccia riferimento al Provvedimento IVASS del 3 maggio 2016 n. 46.