Vigilanza Bancaria – Organizzazione e governo societario – Politiche e prassi di remunerazione e incentivazione


La Banca d’Italia ha pubblicato il 25° aggiornamento della Circolare n. 285 del 17 dicembre 2016, che da attuazione alla direttiva 2013/36/UE del 26 giugno 2013 relativamente alle previsioni in essa contenute in materia di politiche e prassi di remunerazione e incentivazione nelle banche e nei gruppi bancari e tengono conto degli indirizzi e dei criteri concordati in sede internazionale, tra cui quelli dell’EBA e dell’FSB.

In particolare, il documento in questione ha l’obiettivo di pervenire, nell’interesse di tutti gli stakeholder, a sistemi di remunerazione in linea con i valori, le strategie e gli obiettivi aziendali di lungo periodo, collegati con i risultati aziendali, opportunamente corretti per tener conto di tutti i rischi, coerenti con i livelli di capitale e di liquidità necessari a fronteggiare le attività intraprese e, in ogni caso, tali da evitare incentivi distorti che possano indurre a violazioni normative o ad un’eccessiva assunzione di rischi per la banca e il sistema finanziario nel suo complesso. Nel loro insieme, le best practices e gli orientamenti espressi in ambito internazionale costituiscono indirizzi e criteri interpretativi utili per il corretto recepimento delle disposizioni da parte delle banche nonché per orientare e calibrare l’azione di controllo dell’autorità di vigilanza. Le presenti disposizioni si integrano con i regulatory technical standards emanati dalla Commissione europea, su proposta dell’EBA, ai sensi della CRD IV. Anche in linea con l’impostazione europea, inoltre, le presenti disposizioni formano parte integrante delle regole sull’organizzazione e sul governo societario e si inseriscono in un più ampio sistema normativo che comprende anche la disciplina specifica per le società quotate, per altri intermediari vigilati e per la distribuzione dei prodotti bancari, nonché dei servizi e delle attività di investimento. Con riferimento a quest’ultimo profilo, le disposizioni si integrano con quelle adottate dalla Consob in tema di politiche e prassi di remunerazione, volte a garantire il rispetto delle norme di correttezza e trasparenza nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento e per l’effettiva gestione dei relativi conflitti di interesse.

 

Il documento completo, 25° aggiornamento della Circolare n. 285 del 17 dicembre 2016, è consultabile sul sito di Banca d’Italia.