Oneri informativi dell’Intermediazione assicurativa per le informazioni statistiche

Istruzione operative per la raccolta delle informazioni riguardanti il referente unico per la comunicazione delle informazioni statistiche all’IVASS di cui all’art 5 del Regolamento Ivass n. 36 del 28 Febbraio 2017

L’Ivass ha provveduto a pubblicare le istruzioni per le comunicazioni relative al referente unico statistico così come stabilito all’interno del regolamento IVASS  n. 36 del 28 Febbraio 2017 che dispone la politica delle informazioni statistiche. In particolare viene stabilito che:

  • la nomina o la sostituzione del referente unico per la comunicazione delle informazioni statistiche all’IVASS, sono comunicate all’IVASS entro 15 giorni dall’approvazione;
  • le imprese nazionali e le rappresentanze in Italia di imprese con sede legale in uno Stato estero, ammesse ad operare in Italia in regime di stabilimento, comunicano all’IVASS la nomina o la sostituzione del  referente unico e la modifica di ogni elemento informativo richiesto relativo  a tale referente, esclusivamente in formato elettronico, secondo le istruzioni tecniche fornite dall’IVASS, rese disponibili sul sito dell’Istituto.

Procedura di risarcimento diretto

Con il Provvedimento in oggetto vengono modificate alcune disposizioni del Provvedimento IVASS n. 18 del 5 agosto 2014 in relazione alla tempistica di calcolo dei costi e delle eventuali franchigie sulla base dei quali vengono definite le compensazioni tra imprese di assicurazione nell’ambito della procedura di risarcimento diretto.

IVASS

Il Provvedimento n.18 del 5 agosto 2014 ha individuato il “criterio per il calcolo dei costi e delle eventuali franchigie sulla base dei quali vengono definite le compensazioni tra imprese di assicurazione nell’ambito della procedura di risarcimento diretto”.
Con il Provvedimento n. 43 sono state riviste le disposizioni del provvedimento n. 18 in merito:
– alla tempistica di calcolo del processo;
– all’insieme delle informazioni richieste alle imprese che utilizzano come piattaforma di trasmissione il sistema Infostat della Banca d’Italia.
In particolare, per quanto concerne la tempistica del calcolo, la determinazione delle compensazioni viene posticipata al 31 marzo dell’esercizio successivo al fine di ottenere una misura più rappresentativa dei flussi dell’esercizio di riferimento. Conseguentemente è stato rivisto il periodo temporale sul quale sono calcolati gli importi minimi e massimi dei pagamenti considerati per il calcolo degli incentivi, allineandolo, anch’esso, all’esercizio di riferimento.
In particolare:
– l’art. 1 reca tutte le modifiche apportate al provvedimento n. 18;
– l’art. 2 sostituisce l’allegato 1 (Nota metodologica) dello stesso provvedimento;
– l’art. 3 stabilisce l’entrata in vigore delle disposizioni modificative.

Direttiva UE sulla distribuzione assicurativa (rifusione)

E’ stata pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 2 febbraio 2016 la Direttiva (UE) 2016/97 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 gennaio 2016 sulla distribuzione assicurativa (rifusione) (c.d. IMD2). La presente Direttiva detta disposizioni relative all’inizio e allo svolgimento delle attività di distribuzione assicurativa e
riassicurativa nell’Unione.

La presente Direttiva modifica la direttiva 2002/92/CE del Parlamento europeo e del Consiglio in materia di intermediazione assicurativa (IMD1), che verrà abrogata con effetto dal 23 febbraio 2018.
L’obiettivo della Direttiva sulla distribuzione assicurativa è quello di frenare ulteriormente la frammentazione del mercato UE degli intermediari e dei prodotti assicurativi, stabilire condizioni che favoriscano una concorrenza equa e rafforzare i diritti dei consumatori.

rifusione-assicurativa

Essa mira altresì a ridurre gli oneri di accesso transfrontaliero e stabilisce un unico sistema di registrazione elettronica per gli intermediari nell’UE.