Intermediazione finanziaria – Strumenti finanziari di debito – Detentori al dettaglio

L’EBA e l’ESMA hanno pubblicato una dichiarazione congiunta che incoraggia le istituzioni, il mercato e le autorità di risoluzione a considerare adeguatamente i detentori al dettaglio di strumenti finanziari di debito soggetti alla direttiva BRRD nello svolgimento dei rispettivi compiti. La distribuzione di strumenti di debito emessi dagli istituti finanziari ai clienti al dettaglio può sollevare importanti problemi di protezione dei consumatori e incidere sull’applicazione pratica del quadro di risoluzione ai sensi della BRRD.

Lo Statment congiunto non chiede modifiche puntuali della direttiva BRRD, ma fissa principi importanti di cui si dovrà tener conto nella revisione della direttiva sulle risoluzioni bancarie.
Il primo principio è quello dell’importanza sistemica delle forme di tutela rafforzata per i piccoli investitori, anche perché l’applicazione a loro carico di forme di bail-in ad ampio raggio rischia di minare la fiducia complessiva nel sistema bancario e finanziario.
Il punto di partenza è l’articolo 44 della direttiva BRRD, quello che indica le «circostanze eccezionali» in base alle quali le autorità possono escludere una serie di passività dalla svalutazione o dalla conversione forzosa. La presenza di una platea ampia di risparmiatori che sarebbero colpiti direttamente o indirettamente dal bail-in, secondo EBA ed ESMA, va considerata come «un elemento di particolare importanza». Caso per caso, insomma, le autorità sono chiamate a valutare se il coinvolgimento di un numero elevato di risparmiatori mette a rischio la fattibilità della risoluzione e l’impatto di una loro esenzione sulla capacità di assorbimento delle perdite. Ma anche quando questa scelta potrebbe ridurre l’ammontare complessivo delle passività che assorbono le perdite, l’EBA dovrebbe spingere per l’esclusione.
A rafforzare la presa di posizione, spiegano le due Autorità, oltre alle ricadute sistemiche sulla fiducia dei risparmiatori c’è anche l’esperienza, che ha mostrato molti casi di vendite di titoli subordinati senza trasparenza sui rischi in cui incorono i piccoli investitori.

 

Statement of the EBA and ESMA on the treatment of retail holdings of debt financial instruments subject to the Bank Recovery and Resolution Directive